"Just another Amateur Radio weblog"

Conoscere la metodologia e la teoria sulla misura della sensibilità di un sistema ricevente può tornare utile non solo a chi ne è direttamente coinvolto, ma anche a tutti coloro che semplicemente si trovano a dover valutare le qualità di un ricevitore. Anche solo per acquistarne il migliore.

I parametri che entrano in gioco nella quantificazione della sensibilità di un dispositivo ricevente si basano essenzialmente sulla relazione tra segnale utile e rumore, condizione che determina l’intellegibilità dell’informazione trasmessa. Progettare un ricevitore ad elevata sensibilità vuol dire realizzare un sistema che degradi il meno possibile il rapporto tra segnale utile e rumore.

FATTORE DI RUMORE

Consideriamo un amplificatore ai cui capi d’ingresso misuriamo un dato segnale Si ed un certo rumore Ni. All’uscita troveremo rispettivamente un segnale Su e un rumore di livello Nu.

Definiamo Fattore di rumore il rapporto N esistente tra Si/Ni e Su/Nu.

N = {Si{/}Ni} /{Su{/}Nu}

Nella letteratura anglosassone questo viene chiamato Noise Factor e generalmente indicato con F. Il valore del rapporto Su/Nu è praticamente sempre minore di Si/Ni in quanto porta con sé l’ulteriore aliquota di rumore che ogni dispositivo genera: chiamiamola Na.

La misura, introdotta nel 1944 da Friis, esprime il valore relativo alla potenza di rumore in ingresso Ni, che in generale può essere scelta a piacere. Ciò evidentemente risulta essere poco pratico nelle applicazioni tecniche, sicché si è pensato di stabilire un valore univoco di riferimento corrispondente alla potenza che, alla temperatura di 290 K (17 °C), un resistore da 50 Omega può trasferire su un carico di impedenza coniugata:

Ni = kT0B

dove k è la Costante di Boltzmann, To è la temperatura di riferimento (290 K) e B la larghezza di banda (1 Hz). La potenza di riferimento Ni così calcolata risulta dunque essere pari a -174 dBm per Hertz di banda.

Possiamo a questo punto valutare cosa succede all’uscita di un amplificatore che abbia un guadagno G. Il segnale d’uscita Su sarà pari a:

Su = G x Si

Anche il rumore subirà una variazione, ma con l’aggiunta dell’aliquota dovuta alla componente interna che abbiamo già chiamato Na:

Nu = G x (Ni + Na)

Sostituendo queste ultime nella equazione di N otteniamo:

N={Si/Ni}*{{G*(Ni+Na)}/G*Si}=(Ni+Na)/Ni

Il fattore di rumore misura dunque quante volte la quantità (Ni + Na) è maggiore di Ni, livello di riferimento standard (-174 dBm). Di qui si evince subito che un amplificatore sarà tanto migliore quanto più piccolo risulterà Na, o equivalentemente quanto più piccolo sarà il suo fattore di rumore.

CIFRA DI RUMORE (anche detta FIGURA DI RUMORE)

Si definisce Cifra di rumore una quantità pari a 10 volte il logaritmo del Fattore di rumore N:

NF = 10 log N

che riferita alle tensioni piuttosto che alle potenze sarà

NF = 20 log N

Sostituendo N nella prima delle due, riarrangiamo l’equazione facendo comparire direttamente i valori di Si/Ni e Su/Nu, che chiameremo rispettivamente SNRi e SNRu.

NF_dB=10 log(SNRi/SNRu) = SNRi_dB-SNRu_dB

(Continua…)

Leave a comment

Name: (Required)

E-mail: (Required)

Website:

Comment:

 

Disclaimer

    Tutti i contenuti di IK8LOV's weblog sono rilasciati sotto licenza Creative Commons (Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia), salvo diversamente indicato. I contenuti di questo sito non hanno carattere di periodicita' e non rappresentano prodotto editoriale ex L.62/2001. Testi, immagini, loghi e marchi riportati sono di proprieta' dei rispettivi proprietari.

Cosa significa IK8LOV

Il Ministero dello Sviluppo Economico - gia' delle Telecomunicazioni - assegna un nominativo a ciascuna stazione di radioamatore, dopo che il titolare abbia superato delle apposite prove d'esame. IK8LOV e' il nominativo assegnatomi in seguito all'esame sostenuto nel 1987. Il nome di questo blog rappresenta dunque il tema degli appunti contenuti nel sito.